In questi giorni dal canale Youtube della UPA Advertising Graffiti, una società milanese, sono stati caricati alcuni Caroselli pubblicitari cantati da Peppino di Capri con i suoi Rockers, fino all’altro giorno dati per persi. Si tratta degli spot pubblicitari che il cantante campano con il suo complesso ha girato nel 1961 per la reclame del Burro Optimus, un formaggio spalmabile prodotto dalla società lodigiana Polenghi Lombardo (chiusa nel 1997 e in seguito confluita nel gruppo Parmalat)

Cartolina pubblicitaria d’epoca del Burro Optimus

Ma andiamo per ordine: agli inizi del ’61 Di Capri con i suoi musicisti è all’apice della popolarità e del successo commerciale. Tra i vari ingaggi nelle trasmissioni televisive di musica leggera come “Moderato swing” di Piero Umiliani (ad oggi interamente scomparsa dagli archivi Rai), la nostra Televisione di Stato decide di utilizzare la sua presenza anche nei brevi Caroselli serali per la già citata azienda di latte e derivati. Il cantante con i suoi Rockers gira quindi nel marzo 1961 ben otto spot nei quali canta alcuni suoi brani che, come da prassi, vengono però accorciati per farli rientrare nella durata standard del Carosello canoro (circa 2’15’’). Peppino di Capri non reclamizza direttamente il prodotto con la sua voce, ma si limita all’esibizione dei suoi brani, in teatri di posa con scenografie tipicamente allestite da varietà televisivo di prima serata. L’annuncio del Burro Optimus viene quindi affidato alla voce fuori campo dello spot che termina ogni canzone con la frase: “dieci con lode a Peppino, e per voi Otto, il superformaggino!”. La serie di filmati, prodotta dalla Recta Film, viene interamente girata dal regista Vittorio Carpignano, con la fotografia di Gerardo Patrizi

Peppino e i Rockers in uno dei Caroselli riscoperti

Trasmessi tra il 30 marzo e il 1° giugno 1961 su Programma Nazionale in fascia serale, di questi otto caroselli era nota finora solo l’esistenza di quello girato per “Ghiaccio” (uno dei primi successi di Peppino di Capri in Hit Parade), replicato negli anni Novanta su Rai Tre. In questi mesi la UPA, recuperando evidentemente i magazzini della Recta Film, ha ritrovato finalmente la serie completa: ecco quindi venire alla luce le esibizioni canore, oltre alla già citata “Ghiaccio”, dei successi “’mbraccio a ‘mme”, “Tu sei l’orizzonte”, “Voce ‘e notte”, “Nun songh’io”, “Aprile a Napoli”, “Stanotte nun durmì” e “Ch’aggia ‘ffa”. Nel mio libro sul cantante e sul suo complesso “Peppino di Capri e i suoi Rockers” (Graus, Napoli, 2018) davo per certa l’esistenza di quelli per “Ghiaccio”, “Ch’aggia ffa” e “Peppino”. Tuttavia quest’ultimo non è saltato fuori e allo stato attuale è certo confermare che lo stesso non sia mai esistito…

Il Carosello di “Stanotte nun durmi”
Ritrovati i Caroselli di Peppino di Capri per il burro Polenghi Lombardo (’61) ultima modifica: 2019-05-15T19:26:25+02:00 da Gianmarco Cilento
Avatar

About 

Giornalista e Scrittore, mi occupo di Critica Cinematografica e Musicale. La mia prima pubblicazione "Peppino di Capri e i suoi Rockers" (Graus, Napoli, 2018) è stata ampiamente apprezzata da pubblico e critica