fabio pavone

Paola – € per Marcelli e Trotta, alias “Lady Sbricia” e TelePaola

Con un atto a firma dell’ing. Fabio Pavone, attuale reggente dell’Ufficio Tecnico Comunale paolano, noto per essere stato “cacciato” dal tribunale di Paola nella sua veste di Ctu e prossimamente alla sbarra in un processo che – insieme ad altre persone – lo vede imputato con l’accusa, tra le altre, di associazione a delinquere finalizzata all’abuso d’ufficio e falso; è stato predisposto il pagamento di 11.970,44 euro in favore dell’arch. Angela Maria Marcelli, tutti provenienti dalle casse comunali.

Il documento è disponibile sull’albo pretorio on-line del comune di Paola, ma se a qualcuno dovesse – stranamente – capitare di non avere alcuna risposta dal server (cosa che oggi sta verificandosi di sovente), a questo link sarà accessibile lo stesso file caricato nella banca dati del Marsili Notizie.

La questione, a tutt’oggi, appare in qualche modo “controversa” per via del fatto che allo stato attuale, del progetto liquidato, non si è vista posata neanche una pietruzza. Premettendo un chiarissimo titolo, «LIQUIDAZIONE Competenze Tecniche Progettazione Definitiva ed Esecutiva e Coordinamento Sicurezza in fase di Progettazione – Competenze Tecniche R.U.P., Realizzazione Lavori di Manutenzione Straordinaria del Lungomare San Francesco da Paola e Realizzazione nuovo Water Front», l’ing. Pavone ha dato corpo ad una determina nella quale – tra le tante cose – si legge: «CONSIDERATO che l’importo è risultato congruo ed è previsto nel quadro economico del progetto esecutivo; VISTE che occorre liquidare anche le spettanze del personale interno facente funzioni di R.U.P; CONSIDERATO che: – per all’ Ing. Fabio Pavone spetta un totale di € 1.155,70 per come di seguito specificato: € 240.770,47 x 2% x 10% x 50% pari a €240,77 per le funzioni di R.U.P.; € 240.770,47 x 2% x 19% pari a € 914,93 per la redazione del progetto preliminare approvato dall’ Ente con deliberazione di Giunta Comunale n. 175 del 09.12.2015; VISTA la fattura FATTPA 516 del 12/06/2016, dall’importo complessivo di €11.970,44, presentata dall’arch. Marcelli Angela Maria Francesca […]DETERMINA 1)               Di liquidare in favore dell’arch. Marcelli Angela Maria Francesca la complessiva somma di Euro 11.970,44, giusta fattura FATTPA 516 del 12/06/2016 […]2)            Di imputare la spesa relativa alle competenze tecniche dell’ Arch. Marcelli Angela Maria Francesca di Euro 11.970,44, interamente finanziate con fondi comunali ed acclarate al CAP. 1325/15, del bilancio finanziario comunale del 2015». Il ché, con il Lungomare a tutt’oggi “riportato” alla dimensione che aveva più di dieci anni fa (quindi ben oltre la dimensione del “fermo a come era”), rappresenta senz’altro un caso più unico che raro di “pagamento anticipato” sulla fiducia.

Ma se “Lady Sbircia” (così definita per via del suo matrimonio con Luigi Colella, alias “Sbirciapaola” – titolo di un blog tutt’oggi “scomparso” – nonché ex candidato della lista Grande Sud del vicesindaco Francesco Sbano che, recentemente, lo ha anche insignito del titolo di “direttore dei lavori” di Largo Sette Canali), può giustamente brindare al successo frutto del suo lavoro su carta, c’è anche qualcun altro che può giustamente gongolare per la sua liquidazione.

Nella fattispecie sarà lieto Antonio (Tony) Trotta, titolare della “TT Production”, che per le dirette a camera fissa del consiglio comunale e per qualche estemporanea ripresa esterna con tanto di commento audio, intascherà la considerevole cifra di € 8.400,00 (IVA ESCLUSA) in comode rate mensili da 700 euro cadauna.

L’atto che certifica questa situazione è una delibera di giunta (la n.83 del 15 giugno scorso) nella quale, alla medesima cifra, è stata istituita la figura dedita alla «COMUNICAZIONE STRATEGICA/CONSUNTIVO 2012-2017», che è stata affidata alla Società “MONTESANTO Sas” – di nL.Lenin Montesanto & Co., da Rossano.

Per un totale “netto” di 16.800 euro, il Comune di Paola si è quindi garantito i servigi di costoro fino alla data del 31.05.2017, che tradotto in mesi vuol dire circa dodici (giugno incluso). Un annetto che da qui alle prossime elezioni amministrative dovrebbe avere il suo risultato in termini di comunicazione “strategica”.

Leggendo nel dettaglio la presentazione dell’ultima e meno conosciuta ditta, (la “Montesanto Sas”) si scopre che la finalità dell’operazione che la vedrà impegnata, consiste nel «A. ricostruire, in termini di comunicazione pubblica, la complessiva attività istituzionale messa in campo dal 2012 ad oggi; B. ad avviare sin da subito, attraverso un ufficio stampa esterno e costanti brief operativi presso la sede municipale, un’attività quotidiana di comunicazione strategica su tutte le iniziative della Giunta, per i prossimi 12 mesi. Attraverso l’implementazione, sotto un unico brand ombrello, dì diverse strategie di comunicazione integrata e marketing territoriale, il nostro team si prefigge gli obiettivi di: 1. costruire e consolidare progressivamente un più efficace e riconoscibile posizionamento territoriale tanto dell’Esecutivo, quanto della stessa immagine della Città di Paola nell’opinione pubblica dell’area Tirrenica, della provincia di Cosenza e dell’intera Regione; 2. individuare e far emergere i principali marcatori identitari autoctoni, su tutti il complessivo patrimonio identitario collegato alla figura del Santo Patrono SAN FRANCESCO, per farne esplodere i caratteri distintivi in termini di city marketing, accompagnandone la loro percezione e duratura, su scala territoriale, regionale ed extra regionale. La nostra Società, specializzata nella gestione degli uffici stampa esterni, con esperienza ventennale ha prestato e presta la propria attività di consulenza professionale per numerosi Comuni e Città delle province di Cosenza e di Crotone, per Associazioni no profit, soggetti politici e diverse Società private e partecipate, calabresi, nazionali e multinazionali. Opera anche a Bruxelles, presso le sedi comunitarie, in partnership con altre Società di lobbyng ed in collaborazione con professionisti dell’euro-progettazione». Una proposta senz’altro appetibile e accattivante, che giustamente arriva da Rossano perché a Paola non c’è nessuno in grado di replicarla, così come quella della “TT Production”, finalizzata a «- Diffondere informazioni di carattere istituzionale mediante canali di tipo specialistico, tra cui piattaforme multimediali, che assicurino l’efficacia dell’informazione; – Potenziare l’immagine dell’Esecutivo, della Città di Paola e del Santo Patrono nell’opinione pubblica dell’area Tirrenica, della Provìncia di Cosenza e dell’intera Regione; – Potenziare l’attività di trasparenza della pubblica amministrazione sulla scorta del dettato normativo della legge 150/2000; – Sottolineare le attività sociali e culturali sostenute dall’Ente comunale, al fine di assecondare le vocazioni del territorio cittadino e promuovere la conoscenza del territorio e le opportunità turìstiche e culturali; – Diffondere messaggi di informazione sull’attività istituzionale attraverso riprese televisive e utilizzo del web, i quali coniugano comunicazioni visive d’insieme a informazioni più dettagliate che raggiungono i cittadini, le associazioni ed i vari soggetti impegnati sul territorio; – Diffondere le informazioni relative a interventi attivati nell’ambito o in concomitanza di manifestazioni di carattere locale», che se non fosse arrivata da Fuscaldo chissà dove i paolani sarebbero dovuti andare a cercarla.

Se il sito del comune dovesse essere per qualche ragione “irraggiungibile”, cliccando qui si può scaricare la determina di giunta.

About Francesco Frangella

Francesco Frangella
Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.

Check Also

cosmo de matteis

Visti dal Cosmo – «Se il covid “esplode” in Calabria sarà come un’eruzione del Vesuvio»

Volendo fare un paragone per quanto concerne il covid-19, i cittadini calabresi sono nelle stesse …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: