Cosenza: Chiesto Consiglio comunale aperto sulla situazione della sanità pubblica e privata

Consiglio-comunale-Cosenza-dueCOSENZA – Chiesto Consiglio comunale aperto sulla situazione della sanità pubblica e privata. Della situazione della sanità pubblica e privata in città si occuperà un Consiglio comunale aperto, alla presenza del Presidente della Giunta regionale Mario Oliverio che, nel frattempo, dovrebbe assumere anche l’incarico di commissario ad acta per la sanità in Calabria. Si è conclusa così, con la formalizzazione della richiesta al Presidente della Commissione Sanità Francesco Cito, la seduta congiunta delle commissioni consiliari sanità e controllo e garanzia tenutasi questa mattina nel Chiostro di San Domenico e che era stata chiesta con urgenza da 15 consiglieri comunali per dibattere delle problematiche che stanno interessando alcune strutture sanitarie della città di Cosenza e dell’hinterland cosentino, accreditate con il Servizio Sanitario Nazionale. Al termine dei lavori, su specifica richiesta del Consigliere comunale Michelangelo Spataro, si è deciso di demandare direttamente al Consiglio comunale ogni ulteriore trattazione ed approfondimento sulle diverse questioni aperte e sul tappeto e sulle altre state sollevate questa mattina. I lavori della seduta congiunta sono stati aperti dal Presidente della Commissione sanità Francesco Cito, il quale ha dato la parola a Giovanni Lopez, rappresentante della Cisl, unico sindacato presente alla riunione. Lopez ha evidenziato la difficile situazione nella quale si trovano numerosi lavoratori che operano nella sanità privata, originata dalla riduzione dei posti letto, dagli esuberi strutturali e dai licenziamenti “che vanno a toccare – ha detto Lopez – personale di carriera che è molto difficile possa essere ricollocato”. Per il sindacalista della Cisl “anche le forme contrattuali proposte dagli imprenditori che gestiscono le cliniche private andrebbero ragionate e riviste, così come dovrebbero essere riviste le stesse forme di accreditamento”. Alla riunione di questa mattina ha partecipato anche il Sindaco Mario Occhiuto che, condividendo quanto espresso dal rappresentante della CISL, ha ricordato che “l’Amministrazione comunale ha sempre mantenuto alta l’attenzione sulle problematiche che affliggono il settore della sanità”. Occhiuto ha, a questo proposito, ricordato i numerosi consigli comunali aperti in cui i temi della sanità sono stati ampiamente dibattuti. Con specifico riferimento all’ordine del giorno della commissione congiunta, e cioè la sanità privata, il primo cittadino ha sottolineato che “si tratta di un comparto che va riorganizzato. E’ la Regione che deve stabilire gli accreditamenti e quali servizi la sanità privata deve erogare”. Rispetto alle molteplici problematiche che riguardano la sanità pubblica Mario Occhiuto ha inoltre ricordato i diversi interventi dell’Amministrazione comunale. “Siamo andati in Ospedale, abbiamo ascoltato i medici e i sindacati, ho emanato un’ordinanza specifica per risolvere il problema del turn over. Per un riparto di competenze continueremo a sollecitare la Regione. Nel momento in cui c’è una nuova Amministrazione regionale, insediatasi da poco, rinnoviamo la nostra apertura di credito, senza addossare colpe specifiche a nessuno. Resta, però il fatto – ha detto ancora Occhiuto – che il blocco dei ricoveri nella sanità è grave e inaccettabile. Ecco perché rinnoveremo con la stessa forza le sollecitazioni già trasmesse in passato al governo regionale, nella speranza che ci possa essere un’inversione di tendenza”. Grandi assenti dal tavolo dei lavori i rappresentanti dell’Asp e dell’AIOP, così come i sindacati, ad eccezione della Cisl. “Evidentemente – ha detto Bartolomeo – non interessano le sorti della sanità cosentina e dei cittadini. Il compito più arduo che avrà il nuovo commissario della sanità in Calabria sarà quello di ripartire da zero per far sì che la sanità, pubblica e privata, sia veramente rispondente alle esigenze dei cittadini”. Per il consigliere comunale Michelangelo Spataro “è fondamentale rivedere le regole che in questo settore sono completamente saltate. La situazione è drammatica, vanno riviste le regole per gli accreditamenti, così come non è possibile che si sottoscrivano licenziamenti senza né capo, né coda.”  Spataro ha poi concluso il suo intervento con la richiesta del consiglio comunale aperto subito appoggiata dall’Assessore Massimo Bozzo cui è toccato chiudere i lavori della commissione congiunta. Per Bozzo “è fallito il tentativo di riorganizzazione della sanità. O si ha il coraggio di scelte anche antipopolari o è meglio non mettere proprio mano alla riorganizzazione, così come bisogna avere il coraggio di dire basta alla gestione scellerata della sanità. Occorre resettare tutto e ripartire da zero”. L’Assessore Bozzo si è espresso anche a favore di una ricollocazione degli esuberi delle cliniche private nelle strutture ospedaliere pubbliche.

 

About Mafalda Meduri

Mafalda Meduri
Libera pensatrice, blogger ed indipendente essere umano

Check Also

giovanni politano

Paola – Scuole – I ministri sanno del rinvio? Politano l’ha detto a Speranza?

Dopo essere stato “encomiato” nel corso dell’ultimo consiglio comunale per il ruolo svolto nella delicata …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: