Era il 1915 quando la prima tratta “a cremagliera” ha messo in collegamento ferroviario la cittadina marittima di Paola, con l’entroterra culminante nel capoluogo cosentino.

Per questa ragione il prossimo sabato, alle 10.30, è prevista una manifestazione presso il Dopo Lavoro Ferroviario di Rione Giacontesi. Si tratta perlopiù di una celebrazione volta a rinsaldare il legame della città di Paola con i binari, quelle due rette metalliche che tanto progresso e benessere hanno garantito alla collettività cittadina. All’interno della cerimonia ci sarà anche spazio per la consegna di un riconoscimento allo stimatissimo poeta, giornalista e scrittore paolano, Attilio Romano.

Certo, festeggiare i primi cent’anni dell’antica tratta sarebbe stato più bello se, parlando invece della “nuova”, non sussistessero continui presupposti per metterla in discussione. Vuoi per i “ridimensionamenti” delle corse effettuati da Trenitalia, vuoi per i disservizi cui sono continuamente esposti i tanti pendolari che dalla costa intendono raggiungere l’entroterra (proprio ultimamente è capitato, nella lunga galleria che separa Paola da Castiglione Cosentino, l’ennesimo blackout che ha costretto un treno a sostare nell’oscuro tunnel per un tempo insopportabile).

Ovviamente nulla potrà scalfire lo spirito della manifestazione, per la quale già molti – tra cittadini e ferrovieri – stanno preparandosi. Però bisogna anche dire che, sebbene verrà rimesso in moto il locomotore a vapore presente nella struttura del Dlf, di sbuffate – gli utenti delle ferrovie nostrane – ne fanno di più frequenti e intense, sempre più spesso.

Buon centenario tratta Paola-Cosenza.

Paola – Sabato si riaccende il locomotore del Dlf ultima modifica: 2015-12-17T20:43:31+02:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.