Roberto Pititto è stato eletto alla carica di segretario regionale  dello SMI, Sindacato dei Medici Italiani.

I medici calabresi aderenti a questo sindacato, all’unanimità, hanno indicato il nefrologo paolano quale principale referente per il sindacato, che include camici bianchi afferenti ad ogni branca della Medicina.

Le altre cariche rinnovate sono quella del presidente, affidata al dottor Paolo Filice, quella del vice di quest’ultimo, che sarà Vincenzo Tarsitano, quella del sostituto dello stesso Pititto, Maria Rosaria Telarico, poi la responsabilità sulla tesoreria, affidata a Paolo Guglielmelli che, nell’eventualità fosse necessario, sarà rappresentato dal suo vice, Francesco Gangemi.

Per quanto concerne i dirigenti ospedalieri, a rappresentarli sarà un altro paolano, Antonio Figlino, mentre l’assistenza primaria sarà appannaggio di Teodoro Scotti, così come la guardia medica sarà incarnata da Salvatore Ventura, per l’emergenza 118  è stato nominato Sinibaldi Iempoli ed infine, alla formazione  ci sarà Francesco Saggio.

Pititto ha ribadito che continuerà il suo impegno in Eritrea e che, nel sindacato, sarà indispensabile la partecipazione attiva di tutti, a prescindere dalle cariche. Massima trasparenza in tutti gli atti è l’obiettivo da tener presente, e condivisione con tutti gli iscritti di programmi e attività.

Il sindacato ha ribadito la propria opposizione a demandare alla Regione la gestione della Sanità.

«I danni di gestione regionale e commissariale hanno portato la Calabria nelle ultime posizioni in questo settore».

Ribadito l’impegno dello SMI in sede nazionale per il passaggio a dipendenza dei medici  del 118.

A Roberto Pititto, autore di molti articoli su questa Testata, i complimenti e gli auguri del Marsili Notizie.

Calabria – Un paolano alla guida regionale del Sindacato dei Medici Italiani ultima modifica: 2019-03-14T07:28:05+02:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.