Peppe Diggéi modifica la scaletta (di Francesco Frangella)

174_7_medium

 

La musica, per “Peppe DJ”, è cambiata. Dalla sua playlist è sparito il pezzo intitolato “Modello Reggio”, un brano pop denso di atmosfere cupe, scritto e musicato – ora si apprende – da un gruppo noto come “I Contigui”. Un vero peccato, perché questa canzone è sempre stata il cavallo di battaglia di ogni sua esibizione, la più applaudita da un pubblico “pogante” (se voleste sapere cosa s’intende con la danza del Pogo siete pregati di cliccare qui) che ora non potrà più dimenarsi e sbattersi a vicenda al ritmo asfissiante della sua melodia.

Al suo posto, quasi miracolosamente, è apparso un requiem del quale, molto azzeccata, è risultata “l’intro”. Su una traccia funebre, che aumenta d’intensità man mano che il brano prosegue, è stato inciso l’estratto di una dichiarazione che Scopelliti ha rilasciato nell’immediatezza della visita di Pierluigi Bersani in Calabria.

“… pronto a calpestare ed offendere la dignità della città di Reggio e dell’intera Calabria”. Frase ripetuta ossessivamente per i primi minuti del brano la cui musica è stata scritta da Mozart, in un crescendo catartico che alla fine conduce l’ascoltatore al vuoto assoluto, riferito alla fiducia nella politica e nella democrazia.

Il Comune di Reggio Calabria, amministrato per otto anni dall’attuale Presidente della Giunta Regionale, attualmente sorretto da una maggioranza contigua all’operato di Scopelliti, è stato sciolto.

Ieri pomeriggio, durante la riunione del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro degli Interni Anna Maria Cancellieri, è stata decretata la disgregazione del comune dirimpettaio di Messina. La motivazione supera di gran lunga quella che sembrava essere la più dolorosa, ovvero l’infiltrazione mafiosa, perché attesta una situazione ben più grave: “contiguità con la ’ndrangheta”.

Con il termine “contiguità” s’intende il carattere di ciò che è contiguo, a contatto, nello spazio e nel tempo. In altri termini: “appaiato”, “specularmente congiunto”, “un corpo solo”. Contiguità del braccio sono le mani, contiguità dell’orizzonte, a Paola (CS), sono il cielo ed il mare, contiguità dell’amministrazione comunale di Reggio Calabria è la ‘ndrangheta.

Questa sorta di domino basato su tessere contigue potrebbe continuare aggiungendo pezzi risalenti alla contiguità amministrativa del Sindaco Demetrio Arena con la filosofia di governo di Giuseppe Scopelliti, impersonata da consiglieri e funzionari contigui tra le amministrazioni e la criminalità organizzata (esemplare il caso di Giuseppe Plutino). Senza fine, pezzo dopo pezzo, fino a creare un serpentone di contiguità che si perde nella notte dell’Italia unita, della democrazia partecipata e della creazione dai clan calabresi.

Chiunque abbia sposato il concetto del “Modello Reggio”, sia per motivi estetici che per esportazione di metodologie amministrative,  è ormai contiguo. A questo punto, per chi suona il Requiem? A chi piacerà, stavolta, questa melodia?

E poi c’è da considerare la questione “speculare”, che consiste nel colpire un bersaglio di rimbalzo. Ma questo Peppe DJ lo spiegherà quando, per l’amico Formigoni, dovrà mettere nella sua scaletta il pezzo: “Siamo la coppia più bella del mondo”. Ma, come ho precisato, queste al momento sono speculazioni.

 

 

N.B. Per comprendere le motivazioni per le quali si fa riferimento al Presidente della Giunta Regionale, l’on. Giuseppe Scopelliti, con l’appellativo “Peppe DJ”, è opportuno leggere quanto scritto in quest’altro articolo.

About Francesco Frangella

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.

Check Also

alta velocità paola

Paola – Alta Velocità e raddoppio del Santomarco: urge fare presto

Nota di Andrea Signorelli, capogruppo di Rete dei Beni Comuni, forza della minoranza consiliare paolana. …

2 comments

  1. Tutti i calabresi liberi da tempo aspettavano questo provvedimento,in quanto la contiguità,per ora,era ben nota a tutti,vediamo se la magistratura vola più in alto. Cosmo

  2. francesco sono esterefatto, era nell’ aria questa decisione del governo, ma mi lascia comunqaue di stucco. Sai perchè , perchè mi sorgobno tanti dubbi , dubbi sulla ‘giustezza’ della giustizia, dubbi sulla ‘giustezza’ dei commissari d’ accesso, dubbi sulla ‘ giustezza ‘ dell’ operato di tanti che intorno alla vicenda Reggio girano. Sai ho ancora nel mio cervello gli effetti devastanti di tangentopoli, quella max retata politica che ha poi sortito : la distruzione della prima repubblica , la nascita della seconda ( solo di nome) , qualche suicidio e qualche morte precoce , pochissime condanne rispetto ai quintali di faldoni di indagini, e la creazione di un nuovo partito politico a cui capo e sovrano indiscusso si è eletto il padre di tangentopoli, che è saltato dalla sedia intimando le immediate dimissioni al suo segratario regionale del lazio , indagato al pari di Fiorito per appropiazione indebita di fondi del partito, senza però prima interrogarsi di come questi persobnaggi siano arrivati anche al suo partito. Francesco non la tiro per le linghe , non vivo tenero ddi Scopelliti e del modello Reggio, ma non traiamo sentenze anticipate , non demonizziamo subito: ho una vaga impressione ormai o la politica è a trecentosessanta gradi malata e corrotta : e non so cosa ci salverà ( non certo la magistratura che è anche figlia di questa politica) o veramente possiamo pensare che c’è una caccia alla
    strega che dove cojo…cojo (vendola – formigoni – polverini etccc…..) cerca di eliminare i rampanti ed emergenti ???????

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: