In una location moderna ed innovativa, si è svolto venerdì 21 febbraio presso il parco d’arte Alt Art di Rende, l’evento “Eros, tra Moda e Gusto”, incentrato sul peperoncino, spezia molto usata nella cucina calabrese, valorizzata anche grazie al famoso festival del peperoncino, che si svolge a Diamante durante la prima settimana di settembre.

A presiedere alla serata, Nuccia Carmagnola, presidente dell’accademia italiana del peperoncino della delegazione Cosenza-Rende, organizzatrice di numerosi eventi enogastronomici, scrittrice etimoniere d’oro del turismo, che ne ha illustrato i benefici, le caratteristiche afrodisiache, e le origini, con il suo intervento “Peperoncino, Calabria e Mediterraneo”

L’atmosfera calda ed accogliente creata da Nuccia Parisella e Gianfranco Infante, ha messo tutti i partecipanti della seconda edizione di eros, a proprio agio. In questa occasione, la sfera sessuale era accompagnata dall’argomento gusto, un connubio perfetto reso ancora più interessante in quanto accostato ad un altro elemento caratteristico: la moda.

Per l’occasione infatti è stata creata un’installazione con alcuni degli abiti della collezione “Red Hot Dress Pepper”, ispirata al peperoncino , protagonista lo scorso settembre al “Peperoncino Festival” di Diamante, dove ha riscosso un grande successo. Realizzata dagli allievi dell’istituto Leonardo Da Vinci di Cosenza, grazie ai tessuti offerti dall’azienda Serikos di Como, e dipinta a mano dai pittori Davide Gallicchio e Vincenzo Cuccaro, allievi dell’accademia Brera di Milano, l’evento di moda dedicato alla piccante spezia, è stato ideato da Sante Orrico, direttore artistico di Moda Movie. <<Arrivato alla 18° edizione, il progetto è  volto a valorizzare e lanciare i giovani talenti della nostra terra>> ci spiega Sante Orrico. <<Non è facile essere apprezzati per quello che si è quando non siamo conosciuti. Ma gli stilisti che partecipano a questo grande progetto che è Moda Movie, sono dei veri artisti, nonostante la giovane età, ed è un piacere apprezzarli e promuoverli se hanno talento>>.

Il tutto è stato accompagnato da un favoloso apericena preparato dai ragazzi dell’Alt Art, rigorosamente a base di peperoncino: dagli stuzzichini al formaggio, alle orecchiette, al pollo – per citare solo alcuni dei piatti presenti – fino al dolce, ovviamente gustato con dell’ottimo cioccolato piccante.

antonio-grosso-e-filippo-gambettaE siccome il peperoncino stuzzica la fantasia, un inaspettato ma apprezzato mini concerto da parte di due famosi organettisti: il primo sta diffondendo con la sua bravura le nostre tradizioni del sud, in Italia e all’estero, anche se volto ad abbracciare altri generi di musica oltre al popolare, che si avvicinano al tango, alla milonga, al vals-tango, ma con uno stile tutto personale; il secondo è un genovese, ha girato il mondo e alcuni anni fa si è innamorato della musica irlandese, che sta cercando di far conoscere non solo in Liguria, ma anche oltre confini, insegnando le sue tecniche attraverso interessanti seminari. Stiamo parlando di Antonio Grosso e Filippo Gambetta, che presenti all’evento, nonostante fosse la loro prima volta insieme, hanno improvvisato un duo, sancendo un connubio perfetto tra l’incontro delle due diverse tecniche usate nell’esibizione. Una serata piccante, dall’inizio alla fine, che non può non aver stuzzicato i palati, deliziato la mente, e svegliato i sensi!

Eros 2.0, una serata “piccante toccasana” per i sensi ultima modifica: 2014-02-25T15:51:08+02:00 da Asmara Bassetti