flop annunciato

“200 per 17.000”: un Flop annunciato

Quotidianamente ascolto nel mio ambulatorio, le difficoltà di tante famiglie che affrontano quotidianamente uno stato di crisi che sembra non finire mai. Ormai leggo nei loro visi rassegnazione e sfiducia, molti genitori si sentono svuotati ed incapaci di aiutare i loro figli nel loro crescere quotidiano. Nessuno nasconde le difficoltà di far fronte alle spese giornaliere, ivi comprese quelle alimentari. In queste settimane, ho sentito di tutto e di più contro questa amministrazione, certo per il disastro compiuto in questi anni, penso che saranno ricordati a lungo, ma la rabbia maggiore dei cittadini, era rivolta contro il pagamento dei tributi in particolare il ruolo dell’acqua.

Premesso che in città vi sono un nugolo di evasori e che anche per loro colpa aumentano le gabelle, pertanto ben vengano controlli severi contro coloro che da decenni non pagano alcun tributo, va distinto chi paga regolarmente, ma si è visto aumentare notevolmente la cifra, la quale spesso non è esatta. Pertanto all’appuntamento in piazza anche come osservatore ero presente anche io.

Alcune settimane fa, scrivevo che i cittadini di Parma erano riusciti a far dimettere il sindaco con le loro proteste continue e rumorose, concerto di pentole giornaliero sotto il comune. Ma i paolani sono altra tempra, hanno sopportato indomiti gli olezzi dei rifiuti per mesi, sopportano quotidianamente l’arroganza del potere, prevale il non esporsi per essere pronti a schierarsi sempre col vincitore, quindi nessuna sorpresa nel vedere una piazza quasi vuota, tranne poche decine di cittadini veramente esasperati e poi i soliti esponenti politici dei partiti, qualche nuovo rampante capopolo ed il solito corteo di forze dell’ordine, che per loro fortuna operano in un paese in cui ci si accapiglia per una partita di calcio, ma non si arriva ad un indignazione tale da mandare tutti a casa e far commissariare per anni questa infelice cittadina.

Osservo il mesto corteo inerpicarsi per le stradine, sperando che qualche mio paziente cardiopatico non faccia qualche brutto scherzo, ed ecco l’ovvia conclusione il sindaco fantasma non si trova, nulla di anormale, è la prassi che quando dei cittadini possano essere due o diecimila il primo cittadino ha altri impegni, bene stendiamo ancora un velo pietoso, e guardiamo questi stessi personaggi oggi in piazza o nascosti in qualche ufficio comunale domani gongolanti accanto ai futuri vincitore della nuova tornata elettorale.

About Cosmo De Matteis

Check Also

IL BAVAGLIO

tra pochi giorni si vota per le elezioni europee,mai come in questo momento è importante,che …

Rispondi