ecologia oggi

Raccolta differenziata Paola – Accordo per salvare gli ex Ecopa

Scemando come un temporale estivo, la crisi che ha recentemente coinvolto la maggioranza potrebbe aver lasciato a terra i costituenti necessari a fertilizzare gli arsi settori su cui, ancora, l’amministrazione Ferrari non aveva visto sbocciare nulla. Uno di questi, forse il più spinoso e accidentato, era costituito dalla situazione lavorativa connessa alle attività del servizio di raccolta differenziata gestita da “Ecologia Oggi”. Da quando la modalità di gestione del ciclo dei rifiuti è passata in mano a questa ditta, pochi paolani sono stati coinvolti nella pianta organica della squadra messa in piedi, con conseguenze a volte spiacevoli per quanto concerne le performance sul territorio (probabilmente poco conosciuto dagli operai forestieri impiegati). Attendendo che la situazione si sviluppasse secondo i crismi contrattualmente stabiliti, i referenti apicali di Ecologia Oggi non hanno mai mostrato particolare propensione alla valorizzazione delle maestranze locali, ignorando platealmente coloro che con il servizio di raccolta differenziata s’erano già fatti le ossa ai tempi della cooperativa Ecopa. Per i ragazzi e i padri di famiglia professionalizzatisi nell’ambito delle attività della società organizzata ai tempi dell’amministrazione Perrotta, il reintegro nel settore di loro competenza è apparso sin da subito una chimera, perché nonostante i risultati raggiunti nel corso della loro attività (talmente buoni da aver garantito a Paola lo status di comune “virtuoso”, capace di conferire in discarica il pattume anche quando ad altre realtà calabresi questo vantaggio è stato negato), lo stallo interno alla maggioranza in appoggio a Basilio Ferrari ne condizionava la messa a regime. Ora che i conti interni al Sant’Agostino sembrano essere stati risolti, con l’inamovibile presa di posizione di “Grande Paola” (gruppo non ancora ratificato in sede di civica adunanza ma presente ai banchi grazie a Focetola, Serranò, Sbano e Gaetano) e dell’assessore Paolo Siciliano del Pri, per gli ex dipendenti Ecopa sembrerebbe essersi aperto uno spiraglio credibile. Probabilmente domani saranno resi noti maggiori dettagli ma, stanti alcune indiscrezioni, pare che verrà convocato un consiglio comunale ad hoc per stilare un bando col quale ratificare le modalità di coinvolgimento di questa esperta squadra di operai. Forse sarà necessario costituire un’altra cooperativa, da affiancare a tempo pieno alla società per azioni che gestirà a suon di milioni i prossimi dieci anni, ma sicuramente più di un padre di famiglia potrebbe essere esentato dalla preoccupazione relativa a come portare il pane a casa.

About Francesco Frangella

Francesco Frangella
Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.

Check Also

rete dei beni comuni paola

Paola – Cambiamento in minoranza: Giuliana Cassano (RBC) si dimette

La consigliere capogruppo del movimento politico culturale “Rete dei Beni Comuni” (RBC), Giuliana Cassano, subentrata …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: