roberto perrotta

Provincia: Graziano Di Natale guiderà l’Ente, incitamenti dal PSI

Se dalle parti della parte di partito (democratico) afferente alla corrente di Graziano Di Natale, ancora non si sono spenti gli echi della soddisfazione per la sua assunzione a timoniere “pro tempore” della Provincia, dal circondario politico locale e dalla società civile paolana, giungono varie felicitazioni per la nomina.

Mentre il sindaco di Paola tace, consapevole che se fosse stato eletto alla Provincia nel 2014 (con il suffragio di tutta la sua maggioranza dell’epoca) forse oggi sarebbe stato proprio lui a festeggiare il ruolo di timoniere del Palazzo del Governo della bruzia piazza XV Marzo, dai banchi della minoranza arrivano le congratulazioni dei socialisti.

Le felicitazioni del gruppo tra cui spicca l’ex sindaco Roberto Perrotta, sono giunte quasi immediate, a corollario di una soddisfazione lievitata sulla consapevolezza che Paola, con questo primo passo, sta tornando ad interpretare il ruolo che le compete anche oltre i confini cittadini. «Quello raggiunto dal consigliere Graziano Di Natale – hanno detto – è un risultato che inizia a riproporre la città nella sua giusta dimensione. Al consigliere Di Natale porgiamo i nostri auguri, nella speranza che determinate cariche possano passare da provvisorie a definitive. Quando cittadini di Paola riescono a conseguire risultati, bisogna essere felici, applaudire e sperare in ritorni positivi per la collettività».

Nonostante le prossime elezioni amministrative di Cosenza, è altamente probabile che Graziano Di Natale resti alla guida della Provincia sino alla prossima consultazione che – referendum costituzionale permettendo – dovrebbe tenersi a ottobre. Ovviamente, a seconda dell’esito dell’appuntamento messo in calendario dal governo, il destino delle province è legato agli umori popolari, e se le preferenze dovessero convergere verso l’assenso alla riforma voluta da Matteo Renzi,  la loro funzione – anche come enti con accesso elettivo di secondo livello – cesserebbe di avere luogo. Si tenga presente che allo stato attuale le province sono state soltanto riformate mentre, con la vittoria del “Si” ad ottobre, verrebbero definitivamente soppresse. Ciò potrebbe voler dire che, sebbene sia il primo paolano a sedere alla guida dell’ente con l’attuale riforma (in precedenza lo stesso onore era toccato, col meccanismo dell’elezione popolare, a Sergio Pizzini), Graziano Di Natale potrebbe anche essere l’ultimo reggente della provincia di Cosenza. A questo punto chissà quale sarà il suo orientamento in vista del referendum. Chi vivrà vedrà, nel frattempo, dal fronte del centrodestra, un polverone s’è addensato attorno all’ex vice Lino Di Nardo (contro il quale si sarebbe schierato giuridicamente Basilio Ferrari), il quale – pur avendo protocollato le sue dimissioni dal ruolo in data 8 febbraio – per alcuni osservatori (e secondo indiscrezioni anche per il segretario generale) potrebbe rientrare addirittura al timone dell’ente sovracomunale. Ma questo sarà possibile appurarlo solo in seguito al prossimo consiglio provinciale che dovrebbe tenersi oggi stesso.

About Francesco Frangella

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.

Check Also

isidoro gentili

Paola – Serata astronomica per i ragazzi dell’IC Isidoro Gentili

Nella serata di venerdì  26 gennaio, presso il piazzale  del Santuario di San Francesco  di …

Rispondi