festa rocchetta paola cs

Paola – Tutto pronto per il san Martino alla Rocchetta di sabato sera

Nata con l’intenzione di rivitalizzare uno degli scorci più suggestivi del centro storico di Paola (ripristinando – peraltro – una tradizione precedente), la festa di “San Martino” che sabato sera prenderà corpo tra le “vinedde” del quartiere Rocchetta, è diventata un appuntamento fisso, molto atteso dalla città e dall’hinterland.

Stoppata soltanto dalle restrizioni imposte al tempo dei lockdown dovuti all’emergenza sanitaria, la kermesse si ripropone quest’anno con tutta la varietà di intrattenimenti che l’hanno resa celebre, e con qualche novità sul piano dell’organizzazione.

Enogastronomia locale e musica a chilometro zero, tocco artistico e impegno civico, svago e cultura, queste le direttive su cui si è mosso il comitato di quartiere, che della manifestazione è artefice.

«Per questa edizione avremo anche una sorpresa sul piano dell’accoglienza ai visitatori – ha detto Federico Scerra, presidente del comitato “Rocchetta” – che riceveranno il benvenuto da damigelle e cavalieri vestiti secondo gli abiti dell’epoca. Una novità resa possibile grazie al supporto che, da più parti, ci è stato offerto, sia sul piano dell’organizzazione, sia su quello successivo della realizzazione. Sono giorni lavoriamo insieme per far si che ogni cosa riesca secondo i programmi, e ringrazio ogni singolo elemento della splendida squadra che si è venuta a creare durante queste fasi “di cantiere”. Se la Rocchetta splenderà più del solito, il merito va a tutti loro, che con abnegazione, passione e tanta volontà, hanno dato ulteriore vigore ad un’iniziativa con la quale contiamo di contribuire a restituire l’immagine di una Paola volitiva, capace di essere attraente in ogni stagione. A San Martino il mostro si fa vino, e noi speriamo di brindare nella spensieratezza – ha concluso Scerra – magari anche alla salute di quanti stanno provando ad imitarci, ai quali auguriamo di trovare un tocco di originalità capace di dimostrare la necessità di appaiare iniziative simili, nel medesimo quartiere, a distanza di un giorno una dall’altra».

Patrocinata dal comune di Paola, che nel sindaco Giovanni Politano ha un “rocchettaro” doc, alla festa di quest’anno hanno dato il loro determinante contributo le associazioni “Le Brave Ragazze” e “I ragazzi del Presepe Vivente”, nonché l’artista Francesco De Luca, i componenti delle live band  e i due dj che si esibiranno in zone diverse del quartiere, e gran parte dei residenti, lieti di vedere un centro storico vivo e capace di tramandarsi tra generazioni diverse.

Il via della manifestazione sarà dato a partire dalle ore 19.00 di sabato 12 Novembre, l’invito è aperto a tutti.

About Redazione

Check Also

giovanni politano

Paola città dell’umiltà, tra consulenze (pure “a gratis”) e concessioni

Sull’albo pretorio del comune di Paola, negli ultimi giorni, stanno venendo alla luce le più …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: