visit paola

Visit Paola l’app che guida per la città

Da qualche giorno a questa parte vedo pubblicare da membri dell’Amministrazione avvisi sull’esistenza di un’app che avrebbe come obiettivo quello di informare sia turisti che cittadini circa eventi, luoghi da visitare nonché su negozi, ristoranti e via discorrendo. In pratica un’utile guida alla vita nella città di Paola.
Premetto che il Dr.Hicks non ha alcun interesse nella politica e che quindi non sono andato alla presentazione dell’app. Poiché solitamente questi eventi altro non sono che un modo, anche poco, velato di fare campagna elettorale.
Comunque sia ho scaricato sul mio smartphone la suddetta app.
Completata l’installazione mi è stato chiesto di registrarmi, ho preferito la modalità più veloce, ossia di registrarmi tramite Facebook, così l’unica informazione che ho dovuto aggiungere è stata la password per l’accesso.
Appena effettuato l’accesso all’app mi è stato chiesto se volevo abilitare le notifiche, prima funzione utile, ossia la possibilità di essere informato in tempo reale sugli eventi della città e su eventuali promozioni delle attività commerciali registrate è un’ottima idea almeno dal mio punto di vista, poiché spesso scopro dell’esistenza di qualche evento che potrebbe essere di mio interesse il giorno stesso o peggio ancora qualche giorno dopo.
La seconda richiesta è stata l’autorizzazione a utilizzare la mia posizione, in pratica sfruttando il gps integrato nello smartphone l’app dovrebbe aggiornarsi in modo tale che se cerco informazioni su come raggiungere un luogo di mio interesse nella città, questa, mi dovrebbe dare tutte le indicazioni necessarie.
Finalmente accedo all’app, l’interfaccia è molto semplice e da l’idea anche di essere facilmente utilizzabile. Visualizzo nove categorie: shopping, tempo libero, news, servizi utili, hotel, web coupon, ristoranti, eventi e tv.
Comincio l’esplorazione dell’app dalla prima voce: shopping. Mi si apre una schermata dove le attività commerciali sono suddivise per categoria merceologica; com’è ovvio vado subito nella sezione informatica e Hi-tech.
Nuova schermata con altre quattro sezioni, tutto molto ben organizzato ma trovo il primo neo dell’app: l’unico negozio recensito è quello dello sviluppatore dell’app.
Cerco qualche informazione a riguardo su Pagine Gialle e scopro che la suddetta attività si trova a Rende, quindi ben fuori dal territorio della città di Paola.
Nessun riferimento alle simili attività commerciali presenti in città. Torno indietro alle sezioni merceologiche precedenti e noto che mancano molte attività commerciali.
Torno alla pagina iniziale e vado nella sezione “Tempo Libero”, mi si apre una schermata con i luoghi da visitare della città, faccio scorrere velocemente la pagina, l’impressione è che i questo caso le informazioni siano quasi complete, i luoghi più importati sono tutti indicati con una foto e con un minimo di informazioni.
Continuo l’esplorazione dell’app e il risultato rimane circa sempre lo stesso. A questo punto completata la visita delle sezioni nella pagina iniziale accedo al menù in alto a sinistra qui mi salta subito all’occhio la voce “Configura Negozio”, a quanto pare lo sviluppatore era consapevole che un’app del genere richiedesse un costante aggiornamento e ha dato la possibilità ai proprietari di attività commerciali di aggiungere la propria attività nell’elenco.
Allo stato attuale Visit paola è un’ottima idea di marketing, la sua presenza in AppStore e Playstore fa si che in tutto il mondo venga fatta pubblicità alla città. Resta comunque molto scarsa di contenuti, in pratica occupa spazio nello smartphone inutilmente.
Nell’attesa di veder arrivare notifiche sulla programmazione estiva per usare un paragone con il vecchio sistema scolastico: “Il candidato è rinviato a settembre”. Insomma il risultato è un’app acerba e incompleta pubblicata più per marketing che per effettiva utilità.

a cura del Dr.Hicks

About Redazione

Check Also

lunga vita

La Regina è morta, lunga vita alla Regina

del Dr. Hicks Uno dei primi articoli della rubrica dedicata alla tecnologia è stato quello …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: