emanuele scarpino

Giovane diacono diventa sacerdote: Paola celebra don Emanuele Scarpino

Nota diramata dal Comune di Paola

Nella giornata di sabato 18 maggio si è tenuta, presso la Chiesa di Santa Maria degli Angeli in Via Sant’Agata, l’ordinazione presbiterale di Emanuele Scarpino, diacono divenuto – al termine della funzione officiata da Mons. Francesco Nolé (Arcivescovo di Cosenza-Bisignano) – “sacerdote” e quindi “don”.

Alla presenza dell’intera comunità parrocchiale di Santa Maria di Porto Salvo, dinnanzi alle principali autorità civili locali e quelle del clero provinciale, con la Comunità dei Minimi, i seminaristi e i parroci della città di Paola, al giovane Emanuele Scarpino sono state imposte sul capo le mani di Mons. Nolé prima, e dei sacerdoti presenti poi, al culmine di un rito servito a trasmettere il dono dello Spirito Santo per la santificazione interiore, l’impressione del carattere e l’abilitazione per compiere gli uffici propri dell’Ordine.

La cerimonia è stata trasmessa in diretta streaming da Paola TV, sia sul web che all’esterno della Chiesa in cui – per ragioni di spazio – non tutti sono riusciti a trovare posto.

Al termine della funzione, il sindaco Roberto Perrotta ha espresso la soddisfazione dell’intera Città per questa ordinazione, «giunta al culmine di un percorso virtuoso – ha evidenziato il primo cittadino – che ha necessitato del contributo di tante forze sane, a partire da un’eccellente famiglia d’origine. Grazie ai genitori, don Emanuele è cresciuto intriso di sani principi e valori cristiani che, nel tratto successivo della sua esperienza, sono stati allevati con cura da coloro che ne hanno seguito il percorso da seminarista, in un’opera di coinvolgimento e valorizzazione dei giovani che funge da esempio per tutti. Per questo ringrazio Don Francesco Nucci e Don Antonio Adamo, entrambi, in tempi diversi, alla guida di una Parrocchia che, nella collaborazione generazionale, ha fondato le basi contribuire attivamente al miglioramento della vita cittadina. Da oggi Paola – ha concluso Perrotta – può contare sull’opera di un giovane pastore di anime cresciuto in Città, un ragazzo sensibile, colto e pieno di entusiasmo al quale rivolgo i migliori auguri per l’opera che s’appresta a compiere».

Nella stessa Chiesa di Santa Maria degli Angeli, alle 18.30 del pomeriggio di domenica, il neonominato sacerdote ha presieduto la sua prima Santa Messa.

N.B. La foto “in evidenza” è tratta dalla bacheca Facebook dell’utente Maria Rosaria Sangineto

About Redazione

Check Also

roberto pititto

Chi ha paura della precarietà? (di Roberto Pititto)

Certamente da un paio di anni eventi su scala mondiale, e in parte poco prevedibili, …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: