chiamiamo il babbo

“Chiamiamo il babbo”: Vita di un padre illustre vista con gli occhi delle figlie

È in libreria dal 22 ottobre per Rizzoli Chiamiamo il babbo, un racconto sulla vita del noto regista Ettore Scola (1931-2016) attraverso gli occhi delle figlie Paola e Silvia. Le autrici in questo periodo si stanno impegnando molto nella promozione del volume con varie presentazioni in giro per l’Italia, tra cui la prima, avvenuta il 5 novembre a Roma alla Galleria Alberto Sordi, alla presenza di nomi quali Walter Veltroni, Stefania Sandrelli e Paolo Virzì

Nel libro si raccontano le vicende familiari e artistiche del noto cineasta, autore di film particolarmente acclamati del nostro cinema quali C’eravamo tanto amati (1974), Brutti, sporchi e cattivi (per il quale Scola ha vinto il Premio per la Miglior Regia a Cannes 1976), Che ora è? (con Troisi e Mastroianni) ma anche film dal respiro più internazionale quali Passione d’amore (1981) o Ballando ballando (1983). Uno dei tanti aneddoti citati merita di essere messo in risalto: un giorno il regista è stato vittima del furto di tutti i suoi David di Donatello. Una settimana dopo i ladri hanno incredibilmente riconsegnato le statuette a Scola con la seguente motivazione “Non sono d’oro. Non valgono niente. Nemmeno la targhetta. Sicuramente sono più preziosi per voi. Buona fortuna”.

chiamiamo il babbo
Paola e Silva Scola, Chiamami Babbo

About Gianmarco Cilento

Avatar
Collaboratore freelance per testate giornalistiche e Scrittore, mi occupo di Critica Cinematografica e Musicale. La mia prima pubblicazione "Peppino di Capri e i suoi Rockers" (Graus, Napoli, 2018) è stata ampiamente apprezzata da pubblico e critica

Check Also

pina onotri

I Medici di Smi: «categoria ormai provata e stanca. Sola, ma non sconfitta»

È un quadro impietoso quello tracciato dalla Dottoressa Pina Onotri, Segretario Generale del Sindacato Medici …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: