tiziana demma

Insieme per il Meridione, I° azione: ispettori ambientali tra le best practices

Nota del movimento politico-culturale “Insieme per il Meridione”

Parte la prima significativa azione: gli ispettori ambientali, le sentinelle dell’ambiente, tra le best practices! 

Creare sinergia progettuale tra professionisti, imprese, associazioni e movimenti d’opinione, che si occupano di ambiente, di sviluppo ecosostenibile e politica costruttiva è l’obiettivo che Tiziana Demma e Salvatore Braschi hanno scelto di intraprendere per il futuro.

La situazione attuale che vive oggi la società’ necessita di un nuovo passo e di una nuova strategia politica che guardi allo sviluppo economico ed alla creazione di nuove opportunità di lavoro con il new green deal; strategia idonea a sensibilizzare i decisori politici ed istituzionali per una nuova opportunità di crescita dei territori, capace di trasformare il nostro paese in un’economia moderna ed efficiente sotto il profilo delle risorse umane ambientali e della competitività europea.

“Spesso una scarsa chiarezza nelle responsabilità e nei ruoli a livello nazionale e locale e una mancanza di leadership e di capacità a livello municipale ostacolano l’attuazione delle politiche legate all’ambiente.” È quanto dichiara la dott.ssa Tiziana Demma, presidente dei Circoli Insieme per il Meridione.

Salvatore Braschi, che in Fareambente odv  si occupa di sviluppare la figura dell’ispettore ambientale comunale presso i comuni, soggetto formato per coadiuvare le amministrazioni pubbliche a vigilare sulla corretta gestione dei rifiuti e sull’osservanza dei regolamenti ed ordinanze sindacali, dichiara che la formazione e la specializzazione di figure idonee a esercitare il compito di “sentinelle dell’ambiente” è oggi una best practice da rilanciare in termini prospettici; pertanto il promoter  si fa portavoce, quale professionista del settore, di incentivare l’istituzione degli ispettori ambientali, partendo dalla Sicilia.

La collaborazione tra i soggetti individuati vuole rafforzare l’approccio costruttivo verso le istituzioni pubbliche, con uno spirito innovativo che mira ad una politica ambientale ragionevole, senza veti a priori, con un incipit scientifico e razionale che sostiene l’impresa per uno sviluppo compatibile, che sappia coniugare la valorizzazione dell’ambiente e le esigenze del territorio e di chi vi abita.

Soddisfazione per l’accordo statuito è stata espressa dai sottoscrittori e da numerosi amici che a vario titolo, intendono copartecipare al progetto.

About Redazione

Check Also

elezioni regionali calabria 2019

Siamo artefici del nostro destino: doveroso partecipare al processo democratico

di Gioacchino Cassano Le competizioni elettorali regionali sono alle porte e, checché ne dica l’Amico …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: