tav sud italia

S.O.S. – Treni ad Alta Velocità! Siamo all’ultima spiaggia!

Riflessione di Gioacchino Cassano, lettore del Marsili Notizie

Leggo in un articolo , datato 8 Febbraio 2021, dell’Associazione Ferrovie in Calabria , che la Commissaria Straordinaria ( o CEO ?) – Rfi – VERA FIORANI, lo scorso 3 Febbraio , ha comunicato alla Commissione Ambiente e Trasporti della Camera dei Deputati  il potenziamento tecnologico ed interventi infrastrutturali della linea ferroviaria Salerno/ Reggio Calabria.

La nuova linea, a partire da Lagonegro, seguirebbe parallelamente il percorso autostradale che si snoda da Salerno a Reggio e, secondo l’ipotesi più accreditata , toccherebbe Praia a Mare per poi snodarsi, con un imponente tunnel , verso Tarsia, Cosenza, fino a Lametia Terme!

Quindi, l’amara conferma che la Nostra Costa sarebbe ignorata, anzi saltata!

Come mai queste notizie- fondate e concrete- comunicate da Autorità Istituzionali- non hanno scosso l’attenzione e l’interesse di tutte le Persone che, nei modi e termini legittimi e più variegati, hanno il compito di vigilare e di tutelarci e, soprattutto, di difendere la immensa ricchezza di cui Madre Natura ci ha fatto dono?

Mi riferisco alla costa tirrenica che si snoda da Praia a Mare fino a Lametia Terme!

La Tav sarebbe il vero volano per lo sviluppo del turismo balneare, favorito, altresì, dalla particolare attenzione che sarà rivolta alla…purificazione delle acque marittime, resa possibile dai consistenti stanziamenti Ecologici saggiamente previsti ed impegnati dal Presidente, Professore Draghi!

Gli Operatori Turistici vanno incoraggiati e protetti, il Sud deve crescere e deve essere sostenuto validamente da Tutti Coloro che hanno l’onore e l’onere di rappresentarci!

È questo il momento propizio, l’ultima occasione, anzi – per usare una adeguata metafora – l’ultima spiaggia!!!

About Redazione

Check Also

cosmo de matteis

Editoriale – Ritorno al passato (di Cosmo de Matteis)

Premetto che questo articolo è rivolto ai lettori che credono nella democrazia,  e sono liberi …

Rispondi