avanti san lucido

San Lucido – Dietrofront dell’amministrazione: guai all’associazione

Di seguito la nota della forza consiliare “Avanti San Lucido”, rappresentata in seno all’assise dalle consiglieri Roberta Provenzano e Dorina Ambrosi.

In merito alle ultime vicende che hanno riguardato l’organizzazione del veglione di capodanno da parte dell’Associazione ASP/ASD Essence, i cui soci sono nostri concittadini, presso la piscina comunale di San Lucido, abbiamo scelto di redigere il presente comunicato dopo aver atteso il tempo necessario affinché fossero, per tutti, più chiari i contorni di una vicenda di cui disconoscevamo i dettagli. L’ordinanza di sgombero emessa dalla amministrazione De Tommaso nei confronti della predetta associazione, oggi, ci impone di chiedere chiarezza, quella chiarezza che come sempre difetta nell’azione amministrativa. Senza entrare nel merito dell’iniziativa e senza badare a colori politici, ciò che oggi rileva è ribadire come, per l’ennesima occasione, la maggioranza non si è mostrata trasparente, né coerente con quanto autorizzato in precedenza.

Come il miglior segreto di pulcinella, gli amministratori fingevano di non sapere cosa si stesse organizzando, pur in presenza di manifesti, locandine, pubblicità online e prevendite dei biglietti. Alle prime difficoltà non hanno esitato a lavarsene le mani meglio di come ha saputo fare Ponzio Pilato, lasciando gli organizzatori ai loro intoppi, dopo che gli stessi avevamo impiegato risorse economiche, umane, il loro tempo e le loro idee.

L’ordinanza emessa, surreale in tutti i suoi aspetti, è il mal riuscito tentativo di “mettere una pezza” e di scaricare responsabilità su quelle stesse persone a cui erano state date garanzie e ampie libertà di utilizzo del bene comunale.

Tale modo di agire la dice lunga su come questa amministrazione sia abituata ad affrontare i problemi del nostro paese.

Il silenzio che in questi giorni abbiamo voluto serbare, altro non è stato che la speranza che si fosse in presenza di un errore. Eppure, ancora una volta, non siamo stati smentiti! Come da tradizione, il Sindaco e i suoi subalterni amministratori, hanno dato prova di mancanza di visione politica e di manifesta inadeguatezza. Prima viene concessa ad un’associazione l’utilizzo di una struttura pubblica, poi si ha l’arroganza di voler ingannare l’intera Comunità sostenendo che non si sapeva cosa si stesse organizzando all’interno di quelle mura.

È possibile pensare che un’amministrazione, una giunta, un Sindaco conceda una struttura disconoscendone l’utilizzo che di questa se ne vuole fare? È possibile sostenere di essere all’oscuro che in quella palestra si stesse organizzando un veglione di capodanno, se il paese era letteralmente tappezzato di locandine che pubblicizzavano l’evento?

Il Natale sottotono che si sta vivendo a San Lucido, mentre gli altri paesi vicini si godono luminarie, presepi, attività che non finiscono per essere annullate e villaggi di natale (che prima appartenevano alla nostra comunità) ci da la cifra dell’ennesimo fallimento programmatico di un’amministrazione approssimativa.

Per il resto, lo Stato di diritto impone che per gli sviluppi della vicenda è giusto attendere gli esiti definitivi degli accertamenti, nella speranza che si possa fare chiarezza e mettere finalmente la parola fine a tale vicenda. Ognuno per le proprie competenze, senza giustizialisti e forcaioli, nel rispetto della legalità, della sicurezza e della cosa pubblica.

A tal proposito, nelle scorse ore, abbiamo chiesto che la questione venga trattata in seno al Consiglio Comunale. Siamo sempre dalla stessa parte, aggiungono le consigliere, con coerenza e responsabilità verso la nostra Comunità.

About Redazione

Check Also

emodinamica paola

Paola – «L’ospedale è preso d’assalto, ma il tirreno è assai carente»

Anche nella provincia di Cosenza sono scattati, come in tutta Italia, i controlli dei Nas …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: