Paola – Nuova era e vecchie spoliazioni ancora in corso: «inaudito»

di Gioacchino Cassano

Se le preoccupanti novità che pervengono  dai diversi canali di informazione sono fondate ed attendibili, apprendo, con rammarico e disappunto, che la nostra Città viene sistematicamente privata di servizi importanti, nella apparente indifferenza e noncuranza di tutti noi cittadini e – la cosa più grave ed imperdonabile – nel silenzio ingiustificato della locale Amministrazione che – verosimilmente – non metterebbe  in atto i provvedimenti utili e necessari per la salvaguardia di questi beni preziosi, indispensabili alla comunità.

Andando indietro nel tempo, ricordo che – fino ad un recente passato – la protezione dei nostri interessi basilari veniva affidata e caldamente raccomandata anche ai politici/parlamentari di turno, calabresi doc.

Allo stato, purtroppo, non sembra che godiamo di tanti mandatari politici che salvaguardino i nostri diritti legittimi; ciò determina inevitabilmente conseguenze negative particolarmente evidenti.

Dopo la spoliazione avvenuta nel settore ferroviario ed in quello stradale, se ne profila un’altra nel delicato Settore della Sanità.

Nel caso in cui le informazioni che circolano risultino concrete, si tratterebbe di fondi specifici, espressamente destinati alla ristrutturazione degli ospedali della costa tirrenica, che sarebbero stati tagliati dalla Regione. Incredibile, anzi, inaudito.

Considerato che non vedo all’orizzonte politici che ci tutelino in modo adeguato e  legittimo – nemmeno in presenza di argomenti delicati come questo citato – ritengo che sia opportuno, anzi urgente e necessario, che le amministrazioni locali interessate – guidate dai rispettivi sindaci – facciano sentire urgentemente la propria voce, le relative richieste e difendano e tutelino le strutture sanitarie a salvaguardia delle esigenze della Comunità.

È un adempimento urgente ed indifferibile che richiederebbe il coinvolgimento responsabile del massimo consesso comunale.

About Redazione

Check Also

rende arresti comune

Rende – Blitz in Comune tra dipendenti, imprenditori e professionisti: 24 misure cautelari

Nella giornata di oggi militari del Comando Provinciale e della Compagnia di Rende dei Carabinieri …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: