“Nel cratere del Marsili”, rubrica di lettere alla redazione. Oggi: “Siate leali”

L’opinione di chi è costituito soltanto per essere un “cittadino”, per Il Marsili Notizie, è prioritaria rispetto a quanto enunciano associazioni e partiti. Pertanto – a partire da oggi – è ufficialmente aperta la rubrica “Nel cratere del Marsili” che si propone di diventare il contenitore di tutte quelle opinioni che resterebbero, altrimenti, sottotraccia con il rischio di perdersi nel rumore della strada. La prima lettera firmata giunta all’indirizzo della redazione è quella che segue e, dopo averla titolata, con piacere la pubblichiamo.

 

paola_cittLe fontane pubbliche sono state tappate da tempo; la spazzatura viene raccolta di tanto in tanto; le piazze e le strade senza il controllo dei Vigili Urbani (che non ci sono più); la strada di collegamento tra via S. Rocco ed il mare è sbarrata e, da quanto si osserva, non ci sono speranze di una prossima apertura. PERÒ abbiamo un aumento notevole di topi e zanzare che in qualche modo ci fanno dimenticare le cose sopradette. Ovviamente non è nostra intenzione accusare qualcuno e assolvere qualcun altro; noi osserviamo e non possiamo più tacere delle cose assurde cui siamo obbligati a sottostare.

Cose, a dire il vero, a cui fino a qualche mese fa non eravamo più abituati; per esempio avevamo una sufficiente raccolta differenziata , aree pedonali e ciclabili; una presenza dei vigili urbani più costante ; qualche topo in meno come le zanzare. Vero anche che le strada “Sottopromintesta” è chiusa per una sciagurata frana, ma qualche altro Sindaco, in passato, ha avuto più coraggio e prontezza nell’eliminare simili inconvenienti. È, altresì, vero che, “qualche altro Sindaco”, in passato, ha permesso costruzioni, ora in atto, sul lungomare senza uno straccio di cartello che ne indichi autorizzazione, tipo di manufatto, titolare e tecnici. In complesso, però, la Città è in dissesto finanziario (qualche Giudice dice di no) ed i cittadini devono subire una maggiore tassazione (TARSU aumentata del 34%) (IMU ad aliquota maggiorata) (trasporti pubblici proibitivi); però le feste ci sono; gli incarichi vengono dati (l’ufficio legale comunale soppresso); l’Ostello si è cercato di affidarlo ad amici e conoscenti; le riprese televisive, prima quasi gratuite, ora a pagamento; il parcheggio dell’ASL non più gratuito, ma in affidamento ad amici di amici; il vecchio palazzo del Comune abbandonato a se stesso; del porto non se ne parla più; la costruenda area polifunzionale del lungomare dimenticata (ma il Sindaco attuale, in Campagna Elettorale, non ne aveva promesso l’abbattimento?)

In compenso, dicevamo, siamo in dissesto e quindi la colpa di tutto è di chi c’era prima. Troppo facile, anche perché le carte le hanno lette in tanti ed anche persone capaci (TAR – CS). Ovviamente anche NOI abbiamo sentito qualche parere, modesto in verità, ma lo riportiamo sommessamente.

Intanto, la Corte dei Conti, nel Luglio 2012 non ha detto che il Comune era in dissesto, ma ha fornito “suggerimenti” per superare le “criticità” in cui versava il Comune. Suggerimenti ignorati dalla amministrazione attuale la quale, invece, sosteneva che il Comune era già in dissesto e non redige neanche il bilancio 2012, perché se lo avesse fatto avrebbe potuto avanzare richiesta per i finanziamenti previsti dalla norma “salva Comuni”. Eppure tanti a noi vicini (Castrovillari, Cosenza, San Giovanni) hanno rifiutato energicamente la dichiarazione di dissesto. Abbiamo anche notato, forse abbiamo sbagliato, che debiti fuori bilancio per circa € 160.000, sono stati censiti da ottobre 2012 ad aprile 2013. E poi, qualcuno ha esaminato con cura tutte le schede redatte dagli uffici? Crediamo di no.

Ci chiediamo anche, perché gli assessori della passata consiliatura non cercano di chiedere scusa alla gente per i pagamenti non effettuati ed i debiti contratti. Come mai non dicono alla gente come mai hanno fatto un uso così spregiudicato della anticipazione di cassa? Dal 1994 al 2000 non era mai accaduto.

È tutto da buttare? No!

Semplicemente: se non si è capaci di amministrare una Città, la cosa più leale sarebbe rinunciarci.

(Lettera Firmata)

About Francesco Frangella

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.

Check Also

Itis Fuscaldo studenti egiziani

ITIS di Fuscaldo (CS), un bell’esempio di scuola «internazionale»

Incontrare Giorgio Clarizio nel suo ufficio, prima di seguirlo durante la conferenza stampa organizzata questa …

One comment

  1. Antonio Penna

    Mi piace come è stata scritta la lettera. Con una certa imparzialità e correttezza. Mi ricordo,però,che le anticipazioni di cassa non furono richieste fino al 2006.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: