elezioni regionali calabria stampella

Regionali – La Calabria non può essere retta da chi abbisogna di sostegni

Riflessione del nostro lettore Gioacchino Cassano

A pochi giorni di distanza dalle prossime competizioni regionali, abbiamo preso visione sulla stampa della pletora dei Candidati che concorrono tenacemente per accaparrarsi un seggio al Consiglio Regionale!

L’augurio che faccio a tutti i Calabresi, nonché a me stesso, si concretizza nella speranza/certezza che verranno selezionati Concorrenti onesti, preparati – nonché profondi Conoscitori delle esigenze e della realtà della nostra Regione, Personalità che dovranno servire con umiltà e dedizione l’Ente che rappresentano , piuttosto che servirsi per fini personali del potere che promana dalla carica di cui sono investiti ! – Personaggi che portino in dote un immenso bagaglio culturale, tale da non essere sistematicamente costretti a richiedere aiuto, collaborazione ed altre forme di assistenza a Cervelli estranei alla nostra Regione!

La triste esperienza del recente passato ci deve convincere che non abbiamo bisogno di balie e di guide esterne perché siamo autosufficienti, nella consapevolezza che chi ci deve rappresentare e governare è passato al rigoroso vaglio di noi Elettori che ci siamo sincerati del possesso dei requisiti richiesti.

Nel nuovo Vocabolario della Nuova Regione dovrà essere abolito il termine: “Commissario”, sia perché sappiamo autogestirci e sia perché da questa Figura Giuridica non sono scaturiti i miracolosi effetti benefici che si attendevano!

I problemi che attendono i Nuovi Politici sono molteplici, complicati ed improcrastinabili! Ed è proprio per queste esigenze impellenti che abbiamo bisogno di Rappresentanti particolarmente colti e preparati che si dedichino alla causa con impegno, passione ed onestà!

L’Alta Velocità, la percorribilità dello intero sistema stradario, la restituzione di un mare pulito meritano una attenzione particolare per noi Calabresi e per i Turisti che ritorneranno a godere delle nostre splendide località!

Altro problema da affrontare è quello relativo al lavoro che riguarda, particolarmente, i giovani ! Individuare e creare occasioni di occupazione per evitare al massimo la emigrazione. La nostra Regione, grazie alle sue prestigiose Università, forma una schiera di giovani preparati che vengono sistematicamente….esportati, richiesti in zone in cui esistono concrete possibilità di espletare la propria professione!

La fuga di cervelli impoverisce ulteriormente le nostre Comunità!

Ma, il problema più delicato ed impellente, da risolvere senza ulteriore indugio, resta quello relativo alla Sanità!

Non occorrono opere o mezzi faraonici per ridare a tutti noi Calabresi la Sanità che ci è stata fornita fino ad alcuni anni addietro ! Fino a quando, come d’incanto, mani e menti- improvvide e sconsiderate- hanno disattivato molte strutture ospedaliere che funzionavano egregiamente ed hanno depotenziato quelle superstiti, privandole di posti letto, di servizi validi e funzionali, nonché diPersonale di ogni ordine e grado e, dulcis in fundo, bloccando tutti i concorsi!  Addirittura, in alcuni casi non si è in grado di sostituire i Dipendenti che vengono collocati in pensione!

Inimmaginabili le conseguenze disastrose per tutti coloro che hanno problemi di salute, di assistenza e di ricovero!

E dire che la nostra Sanità era il fiore all’occhiello della nostra Regione, che era riuscita a ridurre e contenere la migrazione sanitaria, arricchendo le prestazioni a favore della Utenza con convenzioni stipulate per delicate branche mediche con Luminari Universitari!

Ciò che oggi è un malinconico ricordo deve ritornare di attualità ad opera dei Nuovi Organi Regionali che si dovranno attivare per assicurare ai Pazienti assistenza adeguata che, allo stato, anche per esperienza personale, vengono sballottati attraverso le poche strutture esistenti sul territorio, molte delle quali carenti di servizi essenziali!

Inevitabilmente, fa capolino lo spauracchio dell’emigrazione sanitaria con tutte le indicibili conseguenze!

I fondi stanziati per la Sanità-gestiti oculatamente- possono soddisfare le esigenze di tutta l’utenza, così come avveniva nel recente passato!

È necessario che vengano attivate e rese funzionali tutte le forme di controllo previste dalla normativa vigente, atte a garantire una gestione oculata e corretta ed a prevenire, sindacare e contestare eventuali anomalie e violazioni di legge nella gestione del delicato Settore! Ognuno dovrà rendere conto del proprio operato in tempi rapidi e contestuali, e non … a futura memoria!

Occorre, altresì, avere dirette e strette relazioni con il Governo Centrale, per rivendicare ed ottenere tutto quello che viene garantito alle altre Regioni!

La Calabria è stanca di essere considerata e trattata come la Cenerentola del nostro Paese; ecco perché dobbiamo dare i nostri suffragi  a Persone colte e preparate che sappiano rappresentarci e difendere le nostre spettanze, sedute- con pari rispetto e dignità- al Tavolo Governativo!

Noi, Elettori, ci impegniamo a fare il nostro dovere di Cittadini: non disertare le urne e cercare di individuare e scegliere le Persone che ci sappiano rappresentare e garantirci una sana e proficua gestione.

Agli Eletti raccomandiamo di non tradire ulteriormente il nostro mandato fiduciario!

Queste elezioni rappresentano per tutti noi l’ultima spiaggia, non ci saranno ulteriori prove di appello, fate in modo che non veniamo più considerati una Regione- Colonia della Madre Patria -!-

 

About Redazione

Check Also

terme luigiane spirlì

«Vergogna continua». Così Nigro sulla (mala)gestione della crisi alle Terme

Di Franco Nigro Ancora una volta da buon meridionale sono costretto, mio malgrado, a denunciare …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: