crisi afghanistan talebani islam guerra cosmo de matteis

Crisi Afghana – De Matteis: «Arrivati in Sila i disperati: la politica si muova»

Da sempre gli uomini si combattono in nome di Dio, le religioni hanno causato guerre, morti, disastri. L’uomo ha sfruttato il nome del proprio Dio, per sopraffare imporre il proprio volere su altri più deboli.

Battaglie epocali con migliaia di morti, dove i due schieramenti armati l un contro l’altro invocano Dio.  Facile citare come esempio storico le crociate, o addirittura i sacrifici umani degli antichi popoli del sud America.

Nella mia vita , viaggiando ed anche grazie al mio ambulatorio per immigrati, sono diventato rispettoso delle varie idee religiose con cui sono venuto a contatto. Oggi purtroppo, mi trovo a dovermi ricredere, sull’islam, dopo la triste fine dell’Afghanistan, di cui noi occidentali ne porteremo a lungo la colpa.

Senza voler criminalizzare interi popoli , bisogna che tutti noi si diventi realisti e si guardi con maggiore attenzioni a questa religione.

Riflettendo, l’islam è diffuso, in stati in cui non esiste la democrazia. Anzi in gran parte di questi stati, questa religione è imposta con la forza, i diritti umani sono inesistenti, la donna diventa una schiava. Purtroppo le cosiddette democrazie,  antepongono gli affari ai diritti. Ci riempiamo la bocca di belle parole, ma tali rimangono.

Piccole riflessioni, l ‘Arabia Saudita, impedisce sul suo suolo qualunque altra religione , o atteggiamenti che non siano consoni al Corano, abbiamo ancora le donne che non possono avere la patente di guida, ed in gran parte del paese costrette a vestire in modo assurdo. Quella religione, ha partorito i talebani di oggi, personaggi che non dovrebbero avere diritto di cittadinanza al mondo.

Non nascondiamoci dicendo che sono una minoranza, sono la peggiore interpretazione del loro libro sacro. il Pakistan , la Turchia , l’Iran  sono stati,  dove nel nome del loro Dio vengono perpetrati abusi, violenze, dove ogni anelito di libertà viene annientato nel nome del corano.

Come si fa a credere ad una religione che predica la violenza per imporre il loro credo, dove fanatici folli e drogati  si fanno esplodere tra bambini e persone innocenti, perché poi nel loro paradiso avranno diciassette vergini. Evito ogni battuta in merito, perché sarebbe troppo facile.

Dopo la seconda guerra mondiale, lo sceriffo americano, che voleva esportare la democrazia in altri stati, ha provocato immani disastri umanitari. Oggi chi avrà più fiducia negli occidentali, ci siamo imbarcati come sempre sullo strapuntino che hanno deciso altri. Vedere e sentire ciò che avviene a Kabul,  non dovrebbe far dormire i nostri incapaci politici.

Non illudiamoci esponendo il giovane diplomatico sul muro dell’aeroporto che salva bambini, o l aver fatto fuggire qualche migliaio di disperati, illusi per anni da noi,  che abbiamo permesso a governi locali corrotti,  di favorire il disastro.

Certo se poi ascoltiamo , Salvini e la Meloni dovremmo bombardare questi disgraziati che scappano dall’inferno libico, anche questo un gentile regalo dell’occidente ed in particolare della Francia.

Molti obietteranno che l’islam non è questo, lo speravo anche io, oggi per me l’islam è il kalashnikov  puntato da esseri abietti contro donne inermi, è il vietare lo sport , la musica , l ‘istruzione, è il veder spuntare due occhi disperati sotto una casacca nera.

Se oggi mi chiedi se provo odio verso questi esseri, si , si, vorrei non sentire e leggere notizie in merito, perché la mia , la nostra impotenza difronte alla follia di chi ammazza in nome di Dio è incolmabile.

Il governo abbia uno scatto di dignità nessun riconoscimento ai talebani, controlli severi tra i loro predicatori, perché il corano non è il libro della tolleranza anzi, della prevaricazione di una religione sulle altre. Basta moschee, abbiamo già tante chiese ormai vuote.

Considerato che disperati afgani sono in Sila, forse sarebbe il caso che i nostri politici locali, si facessero promotori di iniziative a loro favore da parte della nostra città

About Cosmo De Matteis

Check Also

donna morta cetraro

Paola – Lutto per il sindaco Roberto Perrotta, le condoglianze del Marsili

«A nome del Marsili Notizie esprimo le mie più sentite condoglianze al Sindaco di Paola, …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: