Breaking news
Something went wrong with the connection!

Posts From Francesco Frangella

Paola – 54 Morti, decine di Eroi: oggi “Giornate della Memoria e della Riconoscenza”

L’impatto che la Seconda Guerra Mondiale ha avuto nelle zone “periferiche” del Vecchio Continente, è generalmente associato alle centinaia di migliaia di caduti tra le fila “militari” e quelle combattenti, soprattutto nel meridione d’Italia dove – escludendo le maggiori città (su tutte valga l’esempio di Napoli) – l’esperienza distruttiva del conflitto ha avuto ripercussioni meno evidenti rispetto ad altre realtà. Benché gran parte del territorio calabrese sia stato risparmiato dalla

Paola – VIDEO – Oggi è l’anniversario della morte Innocente di Tonino Maiorano

Si è svolta stamattina la cerimonia di Commemorazione in memoria di Tonino Maiorano, Vittima Innocente di mafia, ucciso il 21 Luglio 2004 da un sicario che aveva l’ordine di assassinare Giuliano Serpa, referente locale dell’omonimo clan che diverse inchieste della magistratura hanno contribuito a smantellare. Erano i tempi in cui si sparava per strada, correndo su motociclette e autovetture che a volte saltavano per aria o prendevano fuoco nel cuore

Paola – VIDEO: «Avevamo diritto di crescere con i nostri Papà» VITTIME INNOCENTI

Che la mafia sia la «montagna di merda» denunciata da Peppino Impastato, è un concetto noto ai più. Ma che questa stessa definizione potesse risuonare nell’aula “Beccaria” del Tribunale di Paola, pronunciata da un altro siciliano qual è Antonio Russo (figlio di Domenico, agente di P.S., vittima “differita” – perché morì dopo 12 giorni di agonia – dell’agguato in cui rimase ucciso il Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa), non a

Paola – «Il fatto non sussiste». Tutti assolti gli “accusati” per la frana sotto l’Ospedale

Il Tribunale di Paola, in composizione collegiale, nelle persone dei Giudici Alfredo Cosenza (Presidente), Antonella Paone e Vincenzo D’Arco, nella giornata di ieri ha messo la parola “FINE” al primo grado di giudizio del processo scaturito per chiarire le eventuali responsabilità di cinque persone, a vario titolo coinvolte nelle indagini sullo smottamento franoso verificatosi lungo un crinale della collinetta su cui si erge l’Ospedale “San Francesco di Paola”. Tutti assolti,

Paola – VIDEO – “Suca”, acronimo di “Stare Uniti Con Amore” (almeno per Neroone)

Su un ritmo ipnotico e rilassante, Neroone (nome d’arte del paolano Daniele Grassia) ha costruito un testo impegnativo, denso di riferimenti all’attualità e vicario di un messaggio sempre attuale: “ama il prossimo tuo come te stesso”. “Stare Uniti Con Amore” (Suca), secondo una prospettiva che parte dall’intimo sentimento e si espande nella realtà circostante, dove le persone sono tesori da scoprire e il Creato è lo spazio nel quale cercarle.

Paola – VIDEO – Sabbie: toccanti e toccate (con mano) esperienze di migrazione

Continuando a riempire di senso il nome stesso della Commissione, la “Pari Opportunità” del Comune di Paola ha organizzato un altro incontro/dibattito presso il centro laboratoriale “A. Eboli” a Largo 7 Canali. Dopo aver reso tangibile la tematica “gender”, con l’appuntamento dello scorso 17 Maggio (clicca), nel pomeriggio di sabato 30 Giugno ha creato i presupposti per aprire un varco nella “matassa dei migranti“, quell’ennesima parte di mondo che necessita

Paola – VIDEO: “Prossima Meta” per Di Natale che con l’on.Ferri difenderà l’Ospedale

Come anticipato (parecchi) giorni addietro (clicca), l’incontro/presentazione organizzato presso il “Salone degli Specchi” del Palazzo del Governo della Provincia di Cosenza, è stata l’occasione per capire la direzione verso cui una cospicua parte del centrosinistra – soprattutto quella in sintonia col PD – ha impostato la rotta da seguire. Pianificando una strategia politica volta a coinvolgere gli esponenti delle amministrazioni locali rivelatesi “virtuose”, Graziano Di Natale – consigliere provinciale (nonché

Paola – Irraggiungibile il profilo “FB” di Roberto Pennestrì: giorni fa denunciò minacce

Noto alle cronache per le eclatanti forme di denuncia scelte in funzione delle sue recriminazioni, Roberto Pennestrì è tornato a far parlare di sé e del litorale tirrenico “paolano”. Gestore dello stabilimento che nell’agosto del 2015 divenne epicentro della manifestazione “Salviamo il nostro mare” (una simbolica catena umana, mano nella mano, lungo quasi un chilometro di battigia), più volte sugli schermi di “Striscia la Notizia” (col celebre Moreno Morello nelle

Paola – VIDEO – “Sogna ragazzo, sogna”: Perrotta in Piazza “striglia” Ferrari

Sogna ragazzo, sogna. L’ambivalenza di questo passaggio della celebre canzone di Roberto Vecchioni, preso a sé stante e senza il meraviglioso contesto poetico con cui l’ha ammantato il cantautore, porta a pensare alle cose più diverse. Perché il sogno di lontane isole che non esistono (giusto per non lasciare in pace neanche Luigi Tenco, cfr. Ragazzo Mio, link), nella gioventù più varia avrà costituito senz’altro una delle carezze preferite. Perché

Paola – “Ritornava una rondine al tetto”: il caso Panaro, vittima di mafia

“Ritornava una rondine al tetto: l’uccisero”. Pompeo Panaro non tornava propriamente a casa quando, tanti anni fa, era alla guida di una Fiat 127 per le strade cittadine. Forse pensava di farlo al ritorno, una volta restituita la macchina al cognato (perché la sua gli era stata appena rubata). Non lo ha fatto, perché ovunque si sia recato, da quel giro in 127 Pompeo Panaro non tornò più. Probabilmente non